Se si sbaglia ad allacciare il primo bottone di una camicia di conseguenza si sbaglieranno tutti gli altri. Gli altri però non saranno errori, ma solo la logica conseguenza del primo bottone sbagliato.Fabio volo

mercoledì 3 aprile 2013

Sabato alla fine facciamo ben poco,diluvia tutto il giorno,così faccio le pulizie,mentre M va dai suoi cena con loro prta a messa i nipotini con suo fratello e la moglie e io me ne sto a casa.
A pranzo sono da mia zia,dove ovviamente c'è anche mia cugina con la bimba...che ora gattona...e io ho passato la maggior parte del mio tempo con lei e la piccolina,siamo andate a prenderci un caffè nel pomeriggio visto che non pioveva e le ha fatto piacere fare due chiacchiere con me e che non abbiamo parlato solo di bambini pappette e cacchine,ma di shopping di appuntamenti e cose un po' piu' frivole...
M è arrivato dopo cena a casa e mi ha portato l'uovo,dentro ci aveva fatto mettere un braccialetto charms le nostre iniziali,una casa,un cane e un cuore...Abbiamo un po' parlato,gli ho detto come mi sono sentita a Milano,lui mi ha detto che me la sono presa troppo,che lui ormai non ci fa piu' caso,riesce a scindere i due ambienti perchè è abituato,io in fondo non sono mai uscita da qui...E sentire ogni volta che ripete questa frase mi fa sentire inferiore...La notte la passo quasi tutta sul divano a fare zapping,una tisana che riesce a farmi dormire poco.
Per Pasquetta alle 7.30 sono sveglia e carica vedo che c'è il sole,mi infilo la tuta le scarpe da ginnastica,cappellino e via a camminare di buon passo e schairirmi le idee,per una città e un parco semideserto,ma non mi sento sola.
E poi incontro un ragazzo col suo cagnone e corrono.
Il cane viene dalla mia parte,si fa accarezzare mi fa le feste e il padrone ci raggiunge,facciamo due chiacchiere e ricominciamo a camminare e correre ognuno per la propria strada.
Sto via un paio d'ore.Torno a  casa e mi fiondo sotto la doccia,M mi raggiunge...Facciamo colazione e mi dice che deve ripartire nel pomeriggio,quindi niente gita al mare.
Mi porta a pranzo fuori,poi ci salutiamo e si fa accompagnare alla stazione da suo fratello e i nipoti che ne approfittano per fare un giro a Firenze...Io torno a casa e trovo il letto sfatto,tanto silenzio e poco da fare...entra un gran sole,mi guardo il polso,il bracciale che luccica con tutta quella luce e un biglietto "non allontanarti da me...Ti amo"

6 commenti:

  1. Quante cose a cui pensare...ma nessuno conosce mai la risposta giusta! Non cedere: deve capire di non dirti certe frasi se ti fanno sentire inferiore!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa sentire inadeguata,non all'altezza sua e dei suoi colleghi...ma non sembra capire...

      Elimina
  2. Forse è una mia impressione ma questo post mi ha trasmesso tanta malinconia...

    RispondiElimina
  3. mhm, leggerti così giù mi fa rimanere male :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...troppo carina...grazie...;))

      Elimina

Avete detto che...